PIU' ENERGIA PER LA TUA ATTIVITA'

Le tariffe dell'energia elettrica

Quando ci controlla una bolletta della corrente elettrica, a volte si rimane confusi per via delle sigle e degli acronimi presenti nella nostra fattura. Oltre ad una serie di numeri, dei quali spesso ci occupiamo solo di verificare l’importo totale da pagare, ci sono anche delle sigle che non vanno affatto ignorate.

Tra di esse le più ricorrenti, e per alcuni più misteriose, ci sono le famose sigle F1, F2 e F3, che ad alcuni rimandano ad immagini che ricordano le corse automobilistiche. Nulla di più sbagliato, ovviamente…

F1, F2 e F3 sono le sigle che indicano le fasce orarie nelle quali viene suddiviso il costo che identifica le tariffe dell’energia elettrica. Grazie all’approvazione dell’autorità per l’energia con delibera numero 181/06 del 3 luglio, dal 1 gennaio del 2007 sono entrate in vigore le fasce orarie per le tariffe di energia elettrica.

Questo nuovo metodo di suddivisione, a prima vista confuso, è invece molto semplice ed è un chiaro indicatore di come viene modificato il costo dell’energia. Le tariffe dipendono dagli orari di utilizzo dell’energia, considerando giorni e orari in cui la corrente viene più o meno utilizzata.

Le tre tariffe suddividono le fasce orarie in orari di punta (peak), orari normali (mid level) e orari fuori punta (off peak). Le sigle, con numerazione crescente, partono dalla fascia a più altro traffico (F1) sino a quella con il minor picco (F3).
Gli orari e i giorni di applicazione:

F1

  • LUN->VEN / h 8->19

F2

  • LUN->VEN / h 7->8
  • LUN->VEN / h 19->23
  • SAB / h 7-23

F3

  • LUN->VEN / h 23->7
  • DOM / h 0-24
  • FESTIVI / h 0-24
Chiudi il menu